Rimanica

Benvenuti nel mio atelier. Una sala spaziosa e luminosa la cui vista verso l’esterno mostra la natura dell’Alta Langa. Questo panorama, che sembra di dimensioni infinite, mi ispira al lavoro e quindi alla creazione di capi individuali.

Io stessa mi vedo come creatrice, il processo del mio lavoro può essere influenzato in diversi modi, ma l’interazione tra me e il prodotto è una costante il che porta automaticamente all’interazione con la persona che indosserà questo prodotto: a lungo (rima=rimanere). Come sappiamo tutti, l’industria dei vestiti vive della clientela che butta i propri vestiti e che compra continuamente: i prezzi alti in questi casi non sono per forza un indice di buona qualità.

La mia filosofia si colloca nella direzione opposta. Il capo ha un valore artigianale e questo si deve mostrare nelle mie creazioni.

In gran parte la stoffa è di aziende italiane: la ritiro personalmente e faccio molta attenzione a una qualità alta e ad un design unico. Con questo materiale di base arrivo al capo stesso, il quale sarà sempre unico e va portato da una sola persona di conseguenza (unica… nica di “rimanica“). Ogni capo può comunque essere adattato in colore e forma per attribuirgli il tocco individuale del cliente.

Cosa fare se il vestito preferito non sta più? Dato che punto alla qualità superiore e alla lunga vita dei capi offro eventi di “upcycling“, dove dall’usato si crea un vestito nuovo e dove, insieme, si costruisce un atto creativo di manodopera (“mani“ di “rimanica“).

Il mio secondo progetto si chiama FugitiveBag: creato dalle mani di un fuggitivo e per le nostre fughe, grandi o piccole, dalla vita quotidiana, nascono sacchette pratiche, zaini e borsellini per avere sempre il necessario con sé. Il 10% del guadagno su questi prodotti vanno direttamente al supporto degli immigrati.

Continua a RIMANICA.COM